[Puglia on the road 3] – Polignano Mon Amour

EN

– Il giorno dopo sono partita per l’ultima tappa del mio mini-tour della Puglia (qui la prima, qui la seconda), per andare in un posto dove non ero mai stata e che da moltissimo tempo volevo visitare: Polignano a Mare.  Vi anticipo subito che mi sono innamorata, ma perdutamente, di questo luogo. Sono rimasta totalmente sotto, come si dice in gergo non tecnico, al punto da vaneggiare per settimane su una possibile vita alternativa a Polignano a Mare. Voglio dire, come si può essere infelici, se si apre la finestra al mattino e si vede questo?

schermata-2016-09-25-alle-16-48-16

Ma andiamo con ordine. Avrei voluto alloggiare nella Dimora Alta Marea de La Torretta sul Mare, ma era troppo expensive, quindi ho preferito un posto leggermente fuori dove ho speso la metà. Non bellissimo, ma accettabile e pulito (che come insegnano le mamme: l’importante è che sia pulito). Siamo stati accolti da una donna in età avanzata con denti malconci, gentilmente soprannominata “La Vecchia”, che non è proprio come ricevere un welcome drink a bordo piscina ma va bene lo stesso.

Dopo la sistemazione in camera, sono arrivata in paese poco dopo il tramonto e ho subito visto questo. E già qui ero satolla di bellezza.

schermata-2016-09-25-alle-16-47-08

Avevo (scrivo al singolare, ma eravamo in 2, per vostra info, non facevo tutte queste cose da sola) la cena prenotata alle 22 e prima di allora sono andata alla Casa del Mojito, con il proposito serio di combattere la sobrietà. Il posto è adorabile e offre la possibilità di scegliere tra diverse declinazioni del cocktail. La cosa più bella dei cocktail, in Puglia, è che comunque costano sempre meno di quanto siate abituati a pagarli al nord. Ci siamo seduti nella stradina fuori, a gustarlo, in attesa di dirigerci al ristorante.

schermata-2016-09-25-alle-16-45-56

Finalmente le 22. Secondo turno per cenare al Ristorante Grotta Palazzese. Allora, chiariamo subito che il conto è salato. Salatissimo. Di per sé indimenticabile (solo da Cracco ho visto un conto più alto, per intenderci; e in entrambi i casi le cene mi sono state offerte perché, come ho già detto, non sono Paris Hilton). Il cibo è buono, ma non indimenticabile. Palesemente si paga la location. Però, lasciate che ve lo dica: che cazzo di location!

14100521_10210894440786459_2625620310900696190_n

Uno dei posti più belli, se non il più bello, in cui mi sia capitato di mangiare nella vita. Una grotta nel bel mezzo della scogliera, a strapiombo sul mare, con luci soffuse e musica jazz. Menù degustazione a base di pesce, naturalmente, accompagnato da una selezione di vini abbinati a ciascuna portata (le foto non sono un granché, ma le luci erano molto tenui).

schermata-2016-09-25-alle-16-42-52

Ok, diciamo anche un’altra cosa: è un posto da coppiette. Questo, se siete intimamente single come me, vi farà provare un po’ di disprezzo per voi stesse, ma a parte ciò,  raga, una meraviglia. Un sOgno (alla Briatore). Un’esperienza vera e propria. Uno di quei contesti nei quali un uomo potrebbe chiedervi qualunque cosa (o parte anatomica, o orifizio, o organo interno, ivi incluso l’utero) e voi glielo dareste.  Bellissimo. Davvero bellissimo. Ho mangiato un antipasto di pesce crudo (e io odio il crudo, ma giacché ogni boccone costava tipo 15 euro non mi pareva il caso di fare la schizzinosa), due primi (uno dei quali con i ricci), tonno scottato in salsa verde di non ricordo cosa e dessert.

schermata-2016-09-29-alle-23-39-08

Sono andata via all’1 di notte: ubriaca, sazia e felice.

schermata-2016-09-29-alle-23-26-32

L’indomani mi sono svegliata, ho fatto colazione e check-out. Poi sono tornata in paese, per gustarmelo con la luce del giorno. Inutile dirvi che Polignano è splendida anche alla luce del sole, anzi lo è persino di più. Ho passeggiato per le stradine, tra le case curate e le vecchie sedute sulle sedie in mezzo alla strada a raccontarsela, oppure a stendere i panni.

schermata-2016-09-29-alle-23-25-40

Ho percorso la scogliera continuando a scrutare, completamente rapita, questo paese che se ne sta lì, in punta di piedi, sul mare, placido, fino all’ultimo orlo di roccia che c’è, prima del precipizio.

schermata-2016-09-29-alle-23-27-04

Ho guardato le barche dei turisti solcare la superficie azzurra e piena di questo mare profondo. Sono entrata in un bar adorabile, Caffè dei Serafini, dove avevo adocchiato un balconcino che s’affacciava proprio sulla scogliera. Ho ordinato un caffè macchiato e sono stata lì piantata un’ora a fare scorte di meraviglia (per quei lunghi mesi invernali, di asfalto, cemento e aiuole spartitraffico).

schermata-2016-09-29-alle-23-25-26

Per pranzo, sono andata in uno storico ristorante della zona, Tuccino, dove ho pranzato – anche qui – di fronte al mare, a base di pesce, cosa ve lo dico a fare. Il proprietario è preparatissimo, professionale e accogliente. Ti racconta i piatti con l’amore con il quale i buoni ristoratori dovrebbero sempre fare, consigliandoti i cavalli di battaglia e i vini da abbinare. Una nota di colore: quando ho detto che non amo il crudo (considerate che siamo nel barese, e non mangiare il pesce crudo è quasi un reato penale, ti guardano con più disprezzo che se fossi una trafficante d’organi), lui ha provato in tutti i modi a convincermi. Il suo aiutante mi ha guardata, con un misto di sbigottimento e rammarico e mi ha detto: “È un peccato signora, perché così non sente il vero sapore del mare”.

schermata-2016-09-29-alle-23-25-57

Alla fine mi hanno messo forzatamente nel piatto un calamaro crudo, me l’hanno condito con olio e pepe e io ho dovuto mangiarlo. A seguire, ho fatto un bis di primi (nessuna sorpresa a constatare che sono tornata a Milano con 4 kg in più, naturalmente). Nella fattispecie ho mangiato un assaggio di orecchiette al nero di seppia con con vongole, gamberetti, fiori di zucchina e zucchine alla julienne (squi-si-te)

schermata-2016-09-29-alle-23-24-58

e un assaggio di gnocchi di patate con vongole veraci  e salvia.

schermata-2016-09-29-alle-23-25-09

Considerate che, essendo in Puglia, un assaggio è l’equivalente di una porzione normale a Milano, o giù di lì. Infatti allego immagine della mia condizione, a pranzo terminato.

schermata-2016-09-29-alle-23-26-14

Nel primo pomeriggio sono dovuta, ahimè, ripartire. Perché il mio road trip volgeva miseramente al termine. Ma è stato così bello farlo che, non solo mi auguro di ripassare in alcuni dei posti che ho visto, ma di farne altri, per scoprire ciò che ancora non conosco di questa splendida regione. Su, nel Gargano. Giù, nel Salento profondissimo.

Ma per questo, attenderemo l’anno prossimo.

#sediovuole, come dicono le mamme. Pure quelle che non credono

Advertisements

3 thoughts on “[Puglia on the road 3] – Polignano Mon Amour

  1. Pingback: [Puglia on the road 3] – Polignano Mon Amour | One day I will be a Travel Blogger

  2. Hai descritto il viaggio così come lo concepirei io…alla scoperta, camminando ed esplorando con la curiosità in viso…Io meno di un mese fa ero in Salento, ed è stato una scoperta soprattutto per il senso di libertà che provavo ogni mattina appena sveglia a decidere dove potevo andare. Inoltre per me che ho una macchina assai antica e del tutto inadatta a viaggi lunghi, il poter noleggiare un’auto a gallipoli senza presentare nessun tipo di garanzia mi ha fatto capire che forse in luoghi lontani dalle metropoli la vita è molto più semplice…Consiglio: vai in Salento , o sono rimasta incantata dalla costa adriatica rocciosa e umida come solo può essere una sera di luna piena con scirocco (ma perché i salentini so così fissati coi venti?!)

    Like

    • ahahahah non lo so (riguardo ai venti), ma posso dirti che quando c’è lo scirocco per i miei capelli è veramente un casino.
      voglio tantissimo andarci nel salento e mi auguro di farlo quanto prima…del resto, a essere così fomentati, i salentini dovranno averci pure le loro ragioni no? 🙂

      Like

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s