SINGAPORE – Cose da Sapere

EN

– Amici e amiche,

a novembre ho passato circa due settimane in quel di Singapore.

Se vi state chiedendo se io sia andata a trovare quel mio certo amico che era partito proprio quando avevamo iniziato a frequentarci e ci stavamo prendendo gusto, sì. La risposta è sì.

Se il vostro animo gossipparo si sta chiedendo se io mi sia accasata con lui, no. La risposta è no. Singapore dista 10.000 km dall’Italia. Non 500. Non 1000. DIECIMILA. Anche la più temeraria innamorata a distanza, desisterebbe.

Questa è la premessa.

schermata-2016-12-12-alle-10-31-08

Ora, io sono stata 2 settimane a Singapore ma voi, se non avete un amore impossibile da alimentare masochisticamente, non avete alcun motivo per soggiornarci tanto a lungo. Andateci, fateci scalo, fermatevi 2-3 giorni, toh 4, e poi proseguite per qualunque altra più gettonata/esotica/naturale destinazione dell’Asia. Avrete la Malesia di fronte, la Tailandia a 1 ora di volo, l’Indonesia a 2. Cosa devo aggiungere?

Tuttavia, vi racconterò i posti in cui sono stata MA PRIMA, prima di procedere a piede libero per le strade singaporesi, è giusto siate consapevoli del fatto che Singapore è pulitissima, efficientissima, puntualissima, costosissima, sicurissima (tipo che potreste andare in giro nude, ricoperte di device Apple e nessuno vi importunerebbe) e per tutte queste nobili ragioni viene considerata la Svizzera d’Oriente.

Ciò non è casuale, poiché si tratta di una simil-dittatura. Ci sono moltissime cose che sono vietate. Alcune prevedibili, tipo possedere cannabinoidi, come da noi (solo che lì c’è la pena di morte, nel caso). Alcune curiose, che adesso vi enuncio, prima di entrare nel merito di cosa visitare, dove mangiare o dove bere a Singapore. La pena, a seconda del reato, è compresa tra una multa salatissima di centinaia – se non migliaia – di dollari…e LA MORTE. In mezzo ci sono le pene corporali, le bastonate nella fattispecie, che vengono elargite pubblicamente e che sono proprio normate dalla legge. Come si dice dalle mie parti: mazz e panell fann l figghje belle. Insomma, ogni tanto un po’ di sana violenza fisica serve, è educativa. A Singapore la pensano così.

schermata-2016-12-12-alle-10-30-16

1. È vietato bere o mangiare sui mezzi pubblici. Quindi se, come me, portate sempre con voi la bottiglietta d’acqua, state attenti, state molto attenti: una piccola distrazione e vi inculano.

2. È ovviamente vietato gettare qualunque cosa per terra, dalla carta della caramella alla cenere della sigaretta.

3. A proposito della sigaretta, fumare è vietato OVUNQUE, tranne che in piccole aree deputate alla tossicodipendenza. Ma questo ve l’ho già detto.

4. Se pensate di portare con voi la sigaretta elettronica, SBAGLIATE. Introdurre quella a Singapore pare sia grave come arrivare portando in dote un kalashnikov

5. Assolutamente vietate le gomme da masticare! Non si vendono, se le cercate non le trovate. Potete portarne massimo uno o due pacchetti. A vostro rischio e pericolo! (vigorsol air action is the new heroin)

6. È vietato sputare per terra e di questo siamo ben lieti, stante che concordiamo tutti su quanto sia disgustosa come abitudine. Se per caso ti ubriachi così tanto da vomitare in mezzo alla strada (il ché implica che tu sia un miliardario, perché bere a Singapore non è roba per i poveri) probabilmente morirai o sarai imprigionato per il resto dei tuoi giorni.

7. È vietato NON tirare lo sciaquone. Anche questo mi sembra inoppugnabile.

8. È vietato raccogliere i fiori dai giardini/aiuole. Così come è vietato imbrattare. Quindi a Singapore niente “m’ama non m’ama” e niente graffiti sui muri.

9. È vietato portare i cani a spasso. Io non ne ho visto uno. E no dai, non dite che li mangiano che non ci voglio pensare.

10. Credo sia vietato anche mendicare, cioè essere poveri. I poveri possono al massimo vendere dei fazzoletti di carta questo perché spesso nei posti in cui si mangia non ti danno tovaglioli. Di modo che, se non li hai con te, tu debba comprarli dagli unici disgraziati che si vedano in giro. Elemosinare, però, è ovviamente inammissibile.

schermata-2016-12-12-alle-10-30-27

Per il resto Singapore è una miscela strana, nella quale l’identità asiatica – pur molto presente – si fonde con l’occidentalismo più esplicito, nella quale si respira il capitalismo più puro, l’efficienza, la tensione incondizionata al progresso, nella quale i grattacieli altissimi s’alternano ai quartieri residenziali, e i lussureggianti centri commerciali alle food court popolari e il cemento, verticalissimo e fittissimo, s’interrompe in assaggi di giungla.

E adesso non mi resta che entrare nel dettaglio.

Pronti? Via.

s.

ps: in tutto ciò, da non dimenticare che a Singapore è vietata la pornografia, è vietata l’omosessualità e fino al 2007 era illegale anche il sesso orale (ora ammesso solo tra persone eterosessuali)…

Advertisements

3 thoughts on “SINGAPORE – Cose da Sapere

  1. Pingback: SINGAPORE – Things to Know | One day I will be a Travel Blogger

  2. Sapevo ci fossero divieti strani in Asia, ricordavo in particolare quello delle chewing-gum ma non che fosse applicato a Singapore. Se ben ricordo, dipende dal fatto che ne consumavano tonnellate, sputandoli poi per terra e le spese per la rimozione delle gomme dalla pavimentazione stradale sono altissime. Ti dirò, forse non mi dispiacerebbe se tale divieto venisse applicato anche qui da noi, visto che l’abitudine di arrivare al primo cestino per rifiuti (o utilizzare un pezzetto di carta e le tasche di cui tutti siamo forniti) non è che sia poi così diffusa.
    Sono curioso di scoprire i luoghi che hai visitato: Singapore non è proprio nella top 10 dei viaggi che vorrei fare ma scoprire nuovi angoli di mondo attraverso gli occhi di chi ci è stato è sempre bello.

    Like

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s